diminuisce la dimensione del carattere aumenta la dimensione del carattere


Autore Topic: Scarsa accessibilità nelle mete turistiche e balneari d'Italia  (Letto 4220 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline Pino

  • Amministratore
  • Full Member
  • *****
  • Post: 212
  • Sesso: Maschio
    • diversamenteabili.info
Indagine JFC sull'attenzione ai disabili: bene Senigallia con oltre la metà delle strutture accessibili

In Italia vi sono oltre 1milione 100mila persone che convivono con una disabilità motoria; in Europa si raggiungono circa 40 milioni di potenziali clienti che richiedono servizi speciali agli operatori del turismo. I numeri crescono sensibilmente se si pensa che i viaggiatori disabili sono abitualmente accompagnati da familiari ed amici. Ma come risponde il sistema ospitale italiano a questi Europei che desiderano trascorrere una vacanza senza problemi?

In questo contesto l’Indagine della società di consulenza JFC si è posta l’obiettivo di analizzare l’attenzione verso gli Ospiti con disabilità motoria di alcune destinazioni balneari italiane - Rimini, Jesolo, Senigallia, Vieste, Sanremo, Viareggio, Terracina, Taormina, Capri, Alghero - sulla base del numero percentuale e dei dati assoluti di strutture ricettive – nello specifico Hotel, Residenze Turistico Ricettive e Campeggi - accessibili alle persone con questo tipo di disabilità.

“Una certezza su tutte: questi Ospiti con esigenze speciali faticano a trovare, in Italia, chiarezza sui servizi” – afferma Serena Tronconi di JFC. “Essi incontrano, infatti, enormi difficoltà nel comprendere quali siano realmente i servizi a loro accessibili”.

La classificazione delle strutture accessibili e non, indicata nei vari portali turistici o negli annuari delle strutture ricettive esaminati, si basa, infatti, seppure con differenze da località a località, sulla dichiarazione che il titolare della struttura effettua sulla base dell’attuale normativa, in alcuni casi specificando il numero di camere o bagni in grado di ospitare persone disabili o la percentuale dell’area dell’esercizio accessibile ai disabili.

All’Ospite la verifica o meno della veridicità della dichiarazione; e purtroppo, molto spesso, il cliente disabile arriva e non trova affatto i servizi segnalati. Solo Jesolo, tra le destinazioni balneari sottoposte ad indagine, ha avviato uno specifico progetto per le persone con disabilità, e per garantire un servizio chiaro e trasparente l’Amministrazione Comunale ha avviato anche verifiche sul campo.

Ma nel complesso, qual è la quota percentuale di strutture ricettive – alberghi, residenze turistiche alberghiere e campeggi – accessibili a chi ha problemi di mobilità?



Immagine dei dati che indicano le quote percentuali delle strutture accessibili

Emerge che, in dati percentuali, Terracina risulta essere la località con la più alta percentuale di strutture ricettive accessibili nel suo complesso: ben il 56,5%, seguita Senigallia con il 54,2% e da Viareggio con il 51,5% di operatori che dichiarano di mettere a disposizione degli ospiti strutture accessibili agli ospiti con disabilità motorie. Come dato assoluto, è Rimini la destinazione che offre la minor quota percentuale di strutture accessibili: solo il 6,8% della totalità.
Per quanto riguarda le varie sezioni ospitali, Vieste guida la classifica degli alberghi; Viareggio e Senigallia  - a pari merito - quella delle residenze turistiche alberghiere; sempre Viareggio, Sanremo e Jesolo a pari merito quella dei campeggi.

Analizzando invece il numero delle strutture ricettive che offrono ospitalità “attenta” ai disabili con problemi di mobilità, prendendo in esame non la quota percentuale ma i numeri assoluti delle strutture che offrono questo servizio, emerge che è Rimini la località a capeggiare la classifica. Rimini, infatti, dispone di 82 strutture “accessibili” su 1.198 totali, seguita  da Senigallia con un totale di 52 strutture e, a pari merito, da Jesolo, con 50 strutture su 375 totali, e da Viareggio sempre con 50 strutture su 97. Ultime sono Sanremo, con solo 7 strutture “accessibili” su 54, Capri, con 12 strutture su 64, e Alghero con 19 strutture su 47 complessive.



Immagine del numero delle strutture ricettive che offrono ospitalità ai disabili

da JFC
www.jfc.it

Cerca di trattare gli altri come vorresti che gli altri trattassero te...

www.diversamenteabili.info