diminuisce la dimensione del carattere aumenta la dimensione del carattere


Autore Topic: La testata di Zidane...  (Letto 6593 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline ForzaSòle

  • Amministratore
  • Hero Member
  • *****
  • Post: 1921
  • Sesso: Femmina
La testata di Zidane...
« il: Luglio 20, 2013, 08:25:08 pm »
La testata di Zidane diventa statua
Esposta in piazza Duomo a Pietrasanta



Pietrasanta 20/07/2013
In piazza Duomo è stata esposta una statua alta cinque metri che raffigura la famosa testata di Zinedine Zidane a Materazzi.

L'ex difensore dell'Inter e della Nazionale azzurra campione del mondo nel 2006, a Berlino, Marco Materazzi, è intervenuto a Pietrasanta per l'inaugurazione della rassegna d'arte contemporanea che prova a raccontare le intense relazioni fra Italia e Francia. In piazza Duomo è stata esposta una statua alta cinque metri che raffigura la famosa testata di Zinedine Zidane a Materazzi: l'opera è stata realizzata dall'artista Adel Abdessemed ed è considerata come un vero e proprio simbolo dell'evento. L'episodio raffigurato si verificò durante i supplementari della finale del Mondiale 2006, vinto dall'Italia di Marcello Lippi in Germania (durante i tempi regolamentari segnarono proprio Zidane e Materazzi), grazie al successo ai rigori sulla Francia. Materazzi era in compagnia del prof. Enrico Castellacci, medico della Nazionale azzurra, che domani partirà per la Cina, dove farà visita a Marcello Lippi, attualmente in testa al campionato cinese con 13 punti di vantaggio sulla seconda. L'ex ct azzurro siede sulla panchina del Guangzhou Evergrande: si è trasferito in Cina, dopo avere fallito il bis nel Mondiale 2010 in Sudafrica. L'artista che l'ha realizzata ha paragonato l'opera a una "ode alla disfatta, riferendosi alla Francia", mentre per Materazzi raffigura "un momento di estasi, una lode alla giustizia e alla vittoria italiana". A chi ha fatto notare all'ex difensore della Nazionale che l'espulsione di Zidane ha favorito il successo azzurro, Materazzi ha replicato che non è d'accordo. "L'Italia ha vinto meritatamente il Mondiale", ha detto. Sollecitato sul calciomercato, l'ex interista ha sottolineato: "Il Napoli è la squadra che ha ingaggiato un top manager come Benitez e dovrà fare meglio della passata stagione". Poi, riferendosi ancora a Zidane, ha spiegato che "non eravamo amici prima, non lo siamo adesso". Riguardo al fatto che sia mai stata 'siglatà la pace con il giocatore francese, Materazzi puntualizza che "ognuno fa la propria vita e va bene così". Era stato invitato anche Zidane, ma il francese ha disertato l'appuntamento, perchè impegnato con il Real Madrid (è il vice di Ancelotti). Il professor Enrico Castellacci ha detto che, dopo la testata subita da Zidane, Marco Materazzi è stato rivalutato da tanti sportivi, che lo vedevano come un burbero. "Invece è un ragazzo sensibile e sempre disponibile, ha scritto una pagina importante della storia della Nazionale azzurra".


Fonte: http://247.libero.it/focus/26313157/7/la-testata-di-zidane-diventa-statua-esposta-in-piazza-a-pietrasanta/
Per me i soli che esistono sono i pazzi, quelli che sono pazzi di vita, di parole, di salvezza, quelli del tutto e subito; quelli che mai sbadigliano o dicono un luogo comune, ma bruciano, bruciano, bruciano come favolosi fuochi artificiali che esplodono,altissimi, tra le stelle ...
Kerouac

Offline ForzaSòle

  • Amministratore
  • Hero Member
  • *****
  • Post: 1921
  • Sesso: Femmina
Re:La testata di Zidane...
« Risposta #1 il: Luglio 20, 2013, 08:34:08 pm »







Marco Materazzi davanti alla statua della celebre 'testata di Zinedine Zidane'
L'opera realizzata dall'artista Adel Abdessemed è esposta in piazza Duomo
20/07/2013 - 15:47

   
L'ex difensore dell'Inter e della Nazionale azzurra campione del mondo nel 2006, a Berlino, Marco Materazzi, è intervenuto a Pietrasanta per l'inaugurazione della rassegna d'arte contemporanea che prova a raccontare le intense relazioni fra Italia e Francia. In piazza Duomo è stata esposta una statua alta cinque metri che raffigura la famosa testata di Zinedine Zidane a Materazzi: l'opera è stata realizzata dall'artista Adel Abdessemed ed è considerata come un vero e proprio simbolo dell'evento.
L'episodio raffigurato si verificò durante i supplementari della finale del Mondiale 2006, vinto dall'Italia di Marcello Lippi in Germania (durante i tempi regolamentari segnarono proprio Zidane e Materazzi), grazie al successo ai rigori sulla Francia. Materazzi era in compagnia del prof. Enrico Castellacci, medico della Nazionale azzurra, che domani partirà per la Cina, dove farà visita a Marcello Lippi, attualmente in testa al campionato cinese con 13 punti di vantaggio sulla seconda. L'ex ct azzurro siede sulla panchina del Guangzhou Evergrande: si è trasferito in Cina, dopo avere fallito il bis nel Mondiale 2010 in Sudafrica. L'artista che l'ha realizzata ha paragonato l'opera a una "ode alla disfatta, riferendosi alla Francia", mentre per Materazzi raffigura "un momento di estasi, una lode alla giustizia e alla vittoria italiana". A chi ha fatto notare all'ex difensore della Nazionale che l'espulsione di Zidane ha favorito il successo azzurro, Materazzi ha replicato che non è d'accordo. "L'Italia ha vinto meritatamente il Mondiale", ha detto. Sollecitato sul calciomercato, l'ex interista ha sottolineato:
"Il Napoli è la squadra che ha ingaggiato un top manager come Benitez e dovrà fare meglio della passata stagione". Poi, riferendosi ancora a Zidane, ha spiegato che "non eravamo amici prima, non lo siamo adesso". Riguardo al fatto che sia mai stata 'siglata' la pace con il giocatore francese, Materazzi puntualizza che "ognuno fa la propria vita e va bene così". Era stato invitato anche Zidane, ma il francese ha disertato l'appuntamento, perchè impegnato con il Real Madrid (è il vice di Ancelotti). Il professor Enrico Castellacci ha detto che, dopo la testata subita da Zidane, Marco Materazzi è stato rivalutato da tanti sportivi, che lo vedevano come un burbero. "Invece è un ragazzo sensibile e sempre disponibile, ha scritto una pagina importante della storia della Nazionale azzurra".


Immagine : Pietrasanta, Piazza Duomo
Per me i soli che esistono sono i pazzi, quelli che sono pazzi di vita, di parole, di salvezza, quelli del tutto e subito; quelli che mai sbadigliano o dicono un luogo comune, ma bruciano, bruciano, bruciano come favolosi fuochi artificiali che esplodono,altissimi, tra le stelle ...
Kerouac