Arrivano i contrassegni elettronici con microchip

Da oggi sarà più difficile parcheggiare un auto nei posti riservati con un pass per disabili falso o scaduto, varcare le ztl del centro storico della capitale o sostare gratuitamente nelle strisce blu a pagamento. Anche per mettere fine agli abusi, arriva infatti il nuovo contrassegno che, a partire da oggi, viene rilasciato dall'Agenzia Roma servizi per la mobilità: al suo interno è contenuto un chip grazie al quale vigili urbani e ausiliari del traffico potranno verificare, tramite un palmare e anche attraverso il parabrezza dell'auto la validità del pass disabili, che può essere associato al massimo a tre targhe diverse; mentre sul retro dovranno essere presenti la foto e la firma del titolare del permesso.



L'iniziativa è stata presentata oggi in Campidoglio dal sindaco di Roma Gianni Alemanno, dall'assessore alla mobilità Maria Spena, dal presidente dell'Agenzia per la mobilità Massimo Tabacchiera e dal vicecomandante della polizia municipale Donatella Scafati. I nuovi pass contribuiranno "a porre fine a una questione vergognosa - ha spiegato Tabacchiera - che riguarda i permessi falsi o intestati a persone decedute, che negli anni ha portato a un loro moltiplicarsi a danno non solo dei veri disabili ma anche delle casse del Comune: si stima in 2 milioni di euro l'anno il mancato introito per l'Atac derivante dai parcheggi occupati con contrassegni falsi". Basti pensare che solo nell'ultima verifica semestrale, nel dicembre scorso, i contrassegni non più validi e mai restituiti sono  risultati 1.064.Immagine di un'auto per disabili parcheggiata

Il pass da oggi in distribuzione ha un formato europeo, valido anche negli altri 27 paesi dell'Ue: non è più arancione ma azzurro chiaro, con il simbolo internazionale dell'accessibilità bianco della sedia a rotelle su fondo blu. In una prima fase, verranno rilasciati solo a chi lo chiede per la prima volta o lo rinnova, mentre nel tempo verranno sostituiti tutti i contrassegni in corso di validità: oggi a Roma sono poco più di 62mila (con oltre 150mila targhe associate). "I possessori dei pass per disabili - ha spiegato l'assessore Spena - avranno tre anni di tempo per adeguarli".
Il sindaco Alemanno ha infine sottolineato che "con questi nuovi contrassegni si mette la parola fine ai tanti abusi e alle truffe che, oltre a una perdita di gettito per la città, rappresentano un comportamento deprecabile verso persone che hanno un reale bisogno di aiuto e di sostegno".



Fonte: http://www.repubblica.it/motori/auto/sezioni/attualita/2013/03/11/news/parcheggi_disabili_pi_difficile_imbrogliare_arrivano_i_contrassegni_elettronici_con_microchip-54338589/