NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo

Utenti in linea nel sito

Abbiamo 50 ospiti e 0 membri online

    Utenti in linea nel forum

    Abbiamo 38 ospiti e 0 membri online

      Dal bimbo americano, emarginato dalla foto di classe, all'alunno di Potenza escluso a scuola dalla prova di evacuazione. E poi la ragazza che ha ottenuto la cittadinanza italiana che le era stata negata. Se sei un disabile si comincia presto ad essere discriminati. Si inizia da bambini. E si prosegue da adulti. Ma guai a mollare.

       

      Leggi tutto...

      C’era la pioggia. Un classico. La chiesa piena e un prete simpatico. Il riso, i coriandoli, un cuore trafitto disegnato all’uscita. Gli applausi e i cori: “Bacio, bacio”. Le sorelle emozionate, i testimoni con l’aria vissuta. Gli amici giovani (tanti) e i parenti anziani (pochi). La festa, i balli, le canzoni. Una straordinaria band a suonare, divertire, divertirsi. La torta tagliata in due, il bouquet, i confetti. Insomma, quel che c’è quando due si sposano, dettaglio più o meno. Ma quello di Sonia e Francesco è un matrimonio speciale, specie per noi di InVisibili. Per questo ve lo raccontiamo.

      Leggi tutto...

      Questa è la storia di una donna disabile al 100% abbandonata dallo Stato per colpa della burocrazia "impazzita", una vicenda che ha dell'incredibile. Jolanda è un'anziana che vive a Calesana, nel vercellese. Nata nel 1918 in Ungheria, oggi ha 94 anni. Nel 1952 si trasferisce in Italia perché qui ha una sorella sposata con un cittadino italiano. La sorella muore nel 1965 e lei rimane sola. La donna, disabile, appena arrivata nel nostro paese (aveva 34 anni), viene ricoverata in vari ospedali psichiatrici (nei vecchi manicomi). Nel 1986 viene trasferita in un ospizio per anziani, struttura non adatta ai suoi problemi.

      Leggi tutto...

      18 ottobre 2012 Giornata della prevenzione del cancro al seno


      Anche quest'anno parte la Campagna Nastro Rosa ideata nel 1989 contro il tumore al seno attraverso la prevenzione, offrendo alle donne visite senologiche gratuite.

      di Ingrid Busonera
      Giovane donna
      La Campagna Nastro Rosa nasce nel 1989 negli Stati Uniti grazie a  Evelyn Lauder, Presidente di Estée Lauder Companies con l'obiettivo di sensibilizzare la prevenzione per il tumore al seno e collabora con la LILT, Lega Italiana Lotta Tumori; dagli Stati Uniti viene poi portata in tutto il mondo e anche in Italia, Ottobre è il mese della prevenzione e dell'informazione, attraverso visite e consulenze gratuite atte alla diagnosi precoce del tumore al seno, tante donne imparano a prevenire questo male, con abitudini e stili di vita sani e soprattutto vengono a conoscenza di quali siano i fattori di rischio e i campanelli d'allarme a cui fare attenzione per diagnosticare precocemente il tumore del seno, imparando tra l'altro l'autopalpazione, fondamentale per un continuo esame del proprio seno e di eventuali modificazioni caratteristiche del tumore proprio (LEGGI).

      Leggi tutto...

      Foto immagine del piccolo Cody


      C’è una foto che gira molto nei social network: un bimbo che corre sulle protesi in pista e la scritta “No excuses”, niente scuse, o “Your excuse is invalid”, la tua scusa non vale.

      Leggi tutto...

      Entra in Facebook nel gruppo: Noi Disabilifree

      Dicembre 2017
      18
      Lunedi
      11:50
      BuaXua Calendar